Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

CAMPIONATO

Serie B | Poker di Monza e Parma, il “derby” va alla Reggina

Michele Affidato- Banner News

Serie B | Un turno della 22esima giornata intenso quello iniziato ieri. La Cremonese “sbanca” il Tombolato di Cittadella (0-2) e porta a segno una grande vittoria in ottica promozione, facendo crollare il record di imbattibilità dei veneti. Un pareggio a reti inviolate (0-0) al “Menti” tra Vicenza e Cosenza, un risultato che rimanda le necessità di punti salvezza al turno successivo. Poker per il Monza che rilancia le sua ambizioni (4-0) con una gara maiuscola allo “U-Power Stadium” contro la Spal.

Altro poker servito è quello del Parma contro il Pordenone (4-1) con i Crociati che ritornano alla vittoria al Tardini. Risultato a sorpresa al Curi con il Perugia che ha la meglio sul lanciatissimo Frosinone (3-0) portandosi in zona Play-Off.

Continua invece a rallentare il Pisa che pareggia (0-0) all’Arena Garibaldi contro una ben messa Ternana che si conferma mina vagante del campionato. Il derby calabrese tra Reggina e Crotone va ai padroni di casa (1-0) che ripartono dopo un periodo negativo e inguaiano ulteriormente gli squali.

Cittadella-Cremonese 0-2

Una lanciatissima Cremonese si presenta al Tombolato per puntare ai vertici o almeno mantenere il quarto posto. Il Cittadella in serie positiva risponde come sa per ridurre le distanze e assestarsi definitivamente in zona playoff. I presupposti ci sono tutti per vedere una bella partita. Dopo un avvio equilibrato al 22′ si sblocca il risultato grazie a Casasola che raccoglie un assist di Bianchetti e da sottoporta mette dentro. Cremonese in vantaggio, Cittadella in difficoltà ma che risponde alla mezzora con Laribi che spara dalla lunga distanza impegnando Carnesecchi. Poco dopo tocca a Mattioli su azione personale costringere l’estremo ospite a bloccare a terra. Ci prova anche Baldini allo scadere. Vibrante la ripresa della squadra di Gorini. Baldini se ne va sulla sinistra, mette dentro, ma Antonucci da breve distanza non riesce nella deviazione. Ma poco dopo Buonaiuto smorza la vigoria granata sorprendendo Kastrati con una palombella imparabile. È lo 0-2 che manda in orbita i lombardi. Occasionissima Cittadella quasi allo scadere con Beretta che dopo una bella azione in solitaria sulla destra si vede negare la gioia del gol da Casasola che respinge sulla linea. Niente da fare per i granata che nonostante qualche tentativo sporadico, soprattutto nel finale, non riescono a trovare il bandolo della matassa. La Cremonese vola in testa alla classifica con Lecce e Pisa.

Tabellino Gara:

CITTADELLA: Kastrati; Mattioli, Del Fabro, Perticone (C), Donnarumma; Vita (32′ st Mazzocco), Laribi, Baldini (32′ st Tavernelli); Antonucci (25′ st Mastrantonio); Okwonkwo (16′ st Beretta), Lores Varela (16′ st Tounkara).
A DISPOSIZIONE: Maniero, Manfrin, Visentin, Ciriello, Pavan, Cassandro.
Allenatore: Edoardo Gorini

CREMONESE: Carnesecchi; Casasola, Bianchetti, Ravanelli, Valeri; Fagioli (1′ st Castagnetti), Valzania; Zanimacchia (23′ st Baez), Gaetano (10′ st Gondo), Buonaiuto (35′ st Bartolomei); Ciofani (C) (1′ st Di Carmine).
A DISPOSIZIONE: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Strizzolo, Bianchetti, Politic, Di Carmine, Rafia.
Allenatore: Fabio Pecchia

Marcatori: 22′ pt Casasola, 8′ st Buonaiuto

ARBITRO: Daniele Minelli (Varese)
AssistentiMoro (Schio) e Ceccon (Lovere)
IV UomoVilla (Rimini)
VARProntera (Bologna)
AVARDi Gioia (Modena)

NOTE:
Ammoniti: Mattioli, Antonucci, Castagnetti, Tounkara, Vita.
Espulsi: Tounkara al 27° st per doppia ammonizione.
Angoli: 4 – 5
Recupero: 2′ e 5’
Spettatori: 1.526

L.R. Vicenza-Cosenza 0-0

Finisce in pareggio tra il Vicenza e il Cosenza. Buone occasioni per il Lanerossi nel primo tempo con Diaw e Meggiorini, buona prestazione per Ranocchia che però quando va al tiro è impreciso. Ottima prestazione per il portiere Nikita Contini che salva il risultato nel primo tempo al 36′ su Palmiero e almeno in tre occasioni nella ripresa. Infortunio per Di Pardo, l’ex Vicenza, per lui entra Situm già al 38′ del primo tempo. Nella ripresa il Vicenza si spegne un po’ (da segnalare un bel tiro di Diaw, deviato da Matosevic in angolo). Al 44′ l’episodio oggetto di analisi del VAR: l’attaccante del Cosenza Laura salta la difesa e si invola verso la porta di Contini, l’estremo difensore lo atterra, sarebbe rigore, ma viene rilevato il fuorigioco di partenza. Vicenza-Cosenza rimane sullo 0 a 0.

Tabellino Gara:

VICENZA: Contini; Bruscagin (Cavion 83′), Pasini, De Maio, Crecco; Bikel, Zonta Boli 69′); Diaw, Ranocchia, Da Cruz; Meggiorini (Teodorcsyk 62). A disposizione: Grandi,  Giacomelli, Padella, Brosco,  Dalmonte, Mancini, Sandon, Djibril,  Lukaku. Allenatore Brocchi

COSENZA: Matosevic; Hristov, Rigione, Vaisanen; Di Pardo (38′ pt Situm), Kongolo, Palmiero (Florenzi 72′), Boultam (Voca 46′), Liotti (Bittante 79′), Laura, Caso (Larrivey 46′). A disposizione: Vigorito, Sarri, Pandolfi, Venturi, Pirrello, Camporese,  Millico, Larrivey. All. Occhiuzzi.

ARBITRO: Maggioni di Lecco; Macaddino di Marsala e Della Croce di Rimini; IV uomo Zanotti di Rimini; VAR Sozza di Seregno, AVAR Cipressa di Lecce

MARCATORI: -.

NOTE: Pomeriggio soleggiato, terreno in buone condizioni.  Spettatori: 4.748 per un incasso di 44.727 euro. Presenti 219 tifosi rossoblù.  Angoli: 6-5. Ammoniti: De Maio (V), Larrivey (C), Matosevic, Bikel (V), Cavion ( V). Recupero: 1′ pt; 8′ st.

Monza-Spal 4-0

Poker Monza sotto gli occhi di Silvio Berlusconi. Prestazione convincente per la squadra di Stroppa che batte 4-0 la Spal. Avvio col brivido per i locali che al 2′ dopo un liscio di Paletta regalano palla a Vido che decentrato sulla destra, con Di Gregorio fuori dai pali, conclude a lato. Al 9′ l’arbitro Miele che presenta il rosso diretto a Dickmann per un fallo su Mota Carvalho lanciato a rete. Vibranti le proteste degli ospiti. La gara si trascina senza emozioni sino al 45′ quando Carlos Augusto fa partire un bolide dai 20 metri, Thiam respinge suoi piedi di Mota Carvalho che tutto solo da centro area mette in rete. Il Monza sblocca una gara che per tutti i primi 45 di gioco ha detto poco. Avvio di ripresa più insistente del Monza che al 7′ raddoppia. Sugli sviluppi di un calcio piazzato Mancuso di testa mette al centro, Mota Carvalho calcia a rete, respinge Thiam sui piedi di Sampirisi che manda la palla in rete. Il Monza è padrone del campo e al 31′, da un angolo di Mazzitelli, è perfetto il colpo testa di Ramirez per il 3-0. La Spal è in confusione, al 43′ perfetto contropiede di Valoti che smarca Colpani che va via da metà campo e fissa il risultato sul 4-0.

Tabellino gara:

Monza: Di Gregorio, Mazzitelli, Barberis (58’ Valoti), Mancuso (81’ Gytkjaer), Pereira, Paletta, Carlos, Sampirisi, Mota Carvalho (67’ Ramirez), D’Alessandro (58’ Molina), Ciurria (58’ Colpani). A disposizione: Sommariva, Donati, Caldirola, Machin, Favilli, Antov, Pirola. All. Stroppa

SPAL: Thiam, Dickmann, Heidenreich (81’ Peda), Capradossi, Celia, Zanellato (61’ Mora), Esposito, Pinato (61’ Latte Lath), Mancosu, Vido (46’ Finotto), Colombo (17′ Almici). A disposizione: Alfonso, Crociata, Melchiorri, Zuculini, Saiani, Rossi, D’Orazio. All. Venturato

Reti: 45’ p.t. Mota Carvalho, 52’ Sampirisi, 77’ Ramirez, 89’ Colpani.

Arbitro: Gianpiero Miele di Nola

Assistenti: Fabio Schirru di Nichelino – Daisuke Emanuele Yoshikawa di Barletta

Quarto Ufficiale: Carlo Rinaldi di Bassano del Grappa

VAR/AVAR: Antonio Rapuano di Rimini – Vito Mastrodonato di Molfetta

Note: ammoniti Barberis, Ramirez (M), Celia, Esposito, Vido (S). Al 9’ espulso Dickmann (S) per aver interrotto una chiara occasione da rete.

Parma-Pordenone 4-1

Il Parma ritrova il sorriso al Tardini, dopo oltre tre mesi, rifilando un poker al fanalino di coda Pordenone, che aveva chiuso il primo tempo in vantaggio grazie alla rete di Di Serio con un destro da fuori area. Poi nella ripresa il neoentrato Pandev ristabilisce l’equilibrio su assist dalla sinistra di Vazquez e, complice una deviazione, propizia il tap-in sottomisura di Man, a segno anche all’andata e al primo centro stagionale tra le mura amiche. Un minuto più tardi è lo stesso Vazquez a sfruttare un errato disimpegno di Sabbione per involarsi verso la porta e trafiggere Perisan, non esente da colpe in occasione del sigillo finale di Benedyczak subentrato all’infortunato Pandev e che dalla destra fa tutto da solo e la mette dentro da posizione defilata.

Tabellino Gara:

PARMA: Buffon, Danilo, Vazquez (81′ Sohm), Juric, Bernabè (74′ Schiattarella), Osorio, Cobbaut, Bonny (46′ Pandev, 71′ Benedyczak), Rispoli, Man (71′ Delprato), Simy.
A disposizione: Colombi, Balogh, Brunetta, Tutino, Coulibaly, Oosterwolde, Correia.
Allenatore: Giuseppe Iachini

PORDENONE: Perisan, Sabbione, Lovisa, Torrasi (75′ Deli), Bassoli, Cambiaghi, Butic (75′ Iacoponi), Vokic (59′ Zammarini), Di Serio (59′ Candellone), Perri, Andreoni (59′ El Kaouakibi).
A disposizione: Bindi, Barison, Pellegrini, Onisa, Anastasio, Dalle Mura, Sylla.
Allenatore: Bruno Tedino

Marcatori: 12′ Di Serio (Po), 56′ Pandev (Pa), 68′ Man (Pa), 69′ Vazquez (Pa), 79′ Benedyczak (Pa)

Arbitro: Giacomo Camplone di Pescara
Assistenti: Gianluca Sechi di Sassari, Dario Garzelli di Livorno
IV: Samuele Andreano di Prato
Var: Eugenio Abbattista di Molfetta
Avar: Michele Lombardi di Brescia

Ammoniti: Juric (Pa), Andreoni (Po), Cambiaghi (Po), Bernabè (Pa), Candellone (Po)
Angoli: 9-9
Recupero: 1′ – 3′
Spettatori: 4.614 (di cui 3.074 abbonati) per un incasso totale di 46.173€

Perugia-Frosinone 3-0

Spettacolare Perugia, che ha vinto nettamente contro un Frosinone mai in partita, che era reduce da quattro vittorie consecutive. Dopo una traversa colpita all’inizio da Lisi, il Frosinone si è visto annullare un gol a Zerbin per fuorigioco. Ma poi la squadra di Alvini ha preso in mano la gara, trovando il vantaggio con De Luca, che ha sfruttato un incredibile assist di testa di Szyminski, con la complicità di un’uscita improvvisata di Ravaglia. Il Perugia è andato al raddoppio con Olivieri, che in avvio aveva fallito una clamorosa occasione, ma questa volta in acrobazia e dopo una parata di Ravaglia su Lisi. Nella ripresa Grosso è passato ad una difesa a tre, ma ha avuto solo un’occasione con Novakovich, che ha mancato la deviazione a porta sguarnita. Nel finale il diagonale di De Luca per il 3-0.

Tabellino Gara:

PERUGIA: 22 Chichizola, 5 Angella, 6 Segre (46′ st 18 D’Urso), 8 Burrai (35′ st 28 Kouan), 9 De Luca, 11 Olivieri (23′ st 10 Matos), 15 Dell’Orco, 25 Santoro, 30 Ferrarini (35′ st 2 Rosi), 39 Sgarbi, 44 Lisi (23′ st 13 Beghetto). A disp.: 1 Fulignati, 4 Gyabuaa, 7 Caretta, 14 Murgia, 16 Ghion, 23 Falzerano, 32 Zanandrea. All.:  Massimiliano Alvini

FROSINONE: 1 Ravaglia, 6 Gatti, 11 Zampano (10′ st Cicerelli), 16 Garritano (35′ st 9 Charpentier), 18 Novakovich (41′ st 78 Manzari), 24 Zerbin, 25 Szyminski, 26 Lulic (10′ st 27 Canotto), 28 Ciano (10′ st 21 Boloca), 29 Cotali, 88 Ricci. A disp.: 22 Marciano, 94 Minelli, Kalaj, 7 Rohden, 19 Tribuzzi, 23 Brighenti, 44 Barisic. All.: Fabio Grosso

ARBITRO: Marco Serra di Torino (Marco Bresmes di Bergamo e Marco Trinchieri di Milano (IV Ufficiale: Adolfo Baratta di Rossano)  VAR: Francesco Fourneau di Roma 1   AVAR: Niccolò Pagliardini di Arezzo.

RETI: 15′ pt e 45′ st De Luca, 23′ pt Olivieri

NOTE: giornata soleggiata ma fredda. Presenti 3497 spettatori di cui 153 tifosi ospiti. Ammoniti Segre, Zampano, Cotali

Pisa-Ternana 0-0

Sotto gli occhi del patron Alexander Knaster il Pisa non va oltre lo 0-0 contro la Ternana del livornese Cristiano Lucarelli e si mangia le mani per un rigore sbagliato. Pisa primo a quota 41 con Cremonese e Lecce (salentini domani in casa contro con il Benevento). Dopo un tentativo della Ternana con Pettinari al 3′, bloccato senza problemi da Nicolas, l’avvio è di marca nerazzurra. Marin sfiora il palo con un tiro da fuori al 5′, poi Iannarilli dice no ai tiri ravvicinati di Beruatto e Puscas. Il Pisa però con il passare dei minuti cala d’intensità e la Ternana torna a compattarsi dopo qualche rischio di troppo nelle ripartenze. Nella ripresa Ghersini concede un rigore al Pisa al 6′ per una manata di Paghera a Sibilli. Torregrossa stavolta coglie la traversa dopo il rigore trasformato ad Alessandria. La Ternana si fa pericolosa con Partipilo e nonostante l’ingresso di Benali e Lucca resiste agli assalti del Pisa. Proprio Lucca serve in verticale Puscas che viene ancora murato da Iannarilli. Buona chance anche per la Ternana con l’ex Martella, appena entrato, che impegna Nicolas alla deviazione sopra la traversa. Il Pisa ci prova ma non va oltre il secondo 0-0 dell’anno solare, terzo pari di fila. La Ternana sale a quota 28 e prosegue il momento positivo.

Tabellino Gara:

PISA (4-3-1-2) Nicolas; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto (72′ Berra); Touré (62′ Mastinu), Nagy, Marin (69′ Benali); Sibilli (69′ Lucca); Torregrossa, Puscas. A disposizione. Livieri;  Hermannsson, De Vitis, Siega, Gucher, Di Quinzio, Cohen, Masucci. Allenatore D’Angelo

TERNANA (4-3-3) Iannarilli; Defendi (75′ Proietti), Sorensen, Capuano, Ghiringhelli (70′ Martella); Paghera (56′ Diakite), Agazzi, Palumbo; Mazzocchi (70′ Donnarumma), Partipilo; Pettinari (75′ Bogdan). A disposizione. Krapikas, Boben, Bogdan,  Capone, Furlan, Mazza, Paghera, Peralta, Rovaglia. Allenatore Lucarelli

Arbitro. Davide Ghersini di Genova (Lombardo-Dei Giudici). 4° uomo Mirabella. VAR Sacchi. AVAR Rossi.

Note. Ammoniti Sorensen, Paghera, Palumbo, Ghiringhelli. Recupero 0′ pt; 5′ st. Spettatori 4. 416

Reggina-Crotone 1-0

A Reggio Calabria il derby calabrese va ai padroni di casa: Reggina-Crotone termina 1-0. Gli amaranto vincono di misura grazie a una prodezza di Montalto che segna da centrocampo. Equilibrati i primi minuti di gara, dopo il minuto di silenzio per il grave lutto che ha colpito il presidente amaranto Luca Gallo. La svolta arriva al 21′ con una magia di Montalto che fa esplodere il Granillo: l’attaccante amaranto calcia col sinistro dal cerchio centrale, dietro la linea di metà campo, beffa Saro e manda la palla in rete. La Reggina, quindi, in vantaggio prova a non concedere nulla ai pitagorici, che comunque creano qualche occasione. Al 35′ Turati salva su tiro di Mulattieri mentre al 43′ Sala in tuffo di testa manda la palla sul fondo. Nella ripresa il Crotone spinge ma non riesce a costruire azioni pericolose. Alla fine è la Reggina a portare a casa tre punti importanti.

Tabellino Gara:

REGGINA: Turati; Loiacono, Cionek, Stavropoulos (1’st Amione), Di Chiara; Hetemaj (44’st Cortinovis), Crisetig; Kupisz, Menez (17’st Bianchi), Folorunsho; Montalto (17’st Tumminello). A disp. : Micai (GK), Giraudo, Adjapong, Franco, Aya, Galabinov, Lombardi, Denis. All. Stellone
CROTONE: Saro; Nedelcearu, Golemic (39’st Cangiano), Cuomo; Calapai, Estevez, Awua (29’st Kone), Sala (29’st Schnegg); Maric, Kargbo; Mulattieri (29’st Borello). A disp. : Festa (GK), Tornaghi (GK), Serpe, Nicoletti, Vulic, Schirò, Mogos, Mondonico. All. Modesto
ARBITRO: Gariglio di Pinerolo
MARCATORI: 21’pt Montalto (R)
AMMONITI: Estevez (C), Golemic (C), Hetemaj (R)

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Trony Laterale – Scad. 25/05/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN CAMPIONATO