Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

CAMPIONATO

Serie B | Colpo salvezza del Cosenza, poker del Parma al Tardini

Foto: BeneventoCalcio.Club
Michele Affidato- Banner News

Serie B | Prima porzione di gare del turno della 26esima giornata di Serie B 2021-2022 mandate in archivio. Il Brescia strappa un punto sul campo del Como (1-1) e continua a mantenersi nei piani alti della classifica. Colpo grosso del Cosenza che ribalta la gara interna e batte l’Alessandria (2-1).

Il Vicenza tiene viva la speranza battendo (1-0) il Pordenone, fanalino di coda. Quattro reti del Parma (4-0) seppelliscono una Spal in caduta libera al “Tardini”. Vittoria importante sul campo del Perugia (0-1) per il Benevento.  Successo esterno di grande valore per la Cremonese sul campo della Ternana (1-2).

Como-Brescia 1-1

Un gol per tempo decide un derby vivace e combattuto tra Como e Brescia, con i padroni di casa capaci di tenere in mano l’incontro sin oltre la metà del secondo tempo, resistendo molto bene agli attacchi della squadra di Inzaghi. Como in gol con Cerri, di testa su assist di Arrigoni dopo soli dodici minuti. Per il Brescia la reazione non è stata semplice, tant’è che per tutto il primo tempo il portiere del Como Facchin è rimasto quasi inoperoso. Più tesa la ripresa, che si apre comunque con un paio di opportunità ancora per i padroni di casa: decisivo il cambio di Inzaghi con l’inserimento di Aye, che al 26′ sfrutta una respinta di Facchin su un tiro potente di Moreo e segna il gol del pareggio. La gara è ancora apertissima, nel giro di pochi minuti annullato un gol per parte, prima a La Gumina in fuorigioco e poi al Brescia, per un fallo di Cistana su Arrigoni che cadendo aveva indirizzato la palla nella propria porta. Lungo recupero con un po’ di tensione nel finale, ma il risultato non cambia più.

Tabellino Gara:

COMO: Facchin; Vignali, Bertoncini, Cagnano, Ioannou; Parigini (dal 34′ st Kabashi), Arrigoni, Bellemo, Blanco (dal 17′ st Iovine); Cerri (dal 1′ st Gabrielloni), Gliozzi (dal 10′ st La Gumina). A disposizione: Bolchini, Zanotti, Ciciretti, Scaglia, Nardi, Peli, Bovolon. All. Gattuso.

BRESCIA: Joronen; Karacic, Cistana, Adorni (dal 21′ st Aye) Mangraviti; Proia (dal 21′ st Bertagnoli), Bisoli, Jagiello (dal 1′ st Palacio); Lèris (dal 34′ st Papetti), Tramoni; Moreo. A disposizione: Perilli, Prandini, Van de Looi, Spalek, Bajic, Bianchi, Andreoli. All. Inzaghi.

Marcatori: Cerri al 12′ pt; Aye al 25′ st.

Cosenza-Alessandria 2-1

Dopo quattro mesi di digiuno, il Cosenza torna ad assaporare la vittoria. Lo fa nella partita più importante della sua stagione, contro l’Alessandria, ora agganciato in classifica dai rossoblù. Al “Marulla” termina 2-1. I grigi cominciano nel migliore dei modi riuscendo a colpire su un’azione d’angolo con Di Gennaro (29′). Il Cosenza pareggia nel secondo tempo con un’azione simile, capitalizzata da Camporese (16′). Il Cosenza completa la rimonta al 34′ con un calcio di rigore di Larrivey (concesso per un fallo di Parodi sullo stesso numero 32), che torna a segnare in Italia a distanza di parecchi anni. Primo successo per Bisoli sulla panchina rossoblù.

Tabellino Gara:

COSENZA: Vigorito; Camporese, Rigione (12’st Sy), Vaisanen; Gerbo (1’st Larrivey), Kongolo, Palmiero (22′ pt Voca), Florenzi (39’st Millico), Situm; Caso, Laura (39’st Vallocchia)  A disposizione: Matosevic, Sarri, Carraro, Pandolfi, Venturi, Bittante. Hristov,Allenatore: Bisoli

ALESSANDRIA: Pisseri, Chiarello, Ba (41’st Milanese), Parodi, Lunetta, Mattiello (5’st Mustacchio), Corazza, Prestia, Casarini, Di Gennaro, Kolaj (5’st Palombi) A disposizione: Crisanto, Cerofolini, Gori, Benedetti, Fabbrini, Mantovani Allenatore: Longo

ARBITRO: Sig. Mariani Maurizio di Aprilia. Assistenti Sig. Massara Gaetano di Reggio Calabria, Sig. D’Ascanio Marco di Ancona. IV UFFICIALE: Sig. Rutella Daniele di Enna. VAR: Sig. Rapuano Antonio di Rimini. AVAR: Sig. Del Giovane Stefano di Albano Laziale.

MARCATORI: 28’pt Di Gennaro (A), 15′ st Camporese (C) 36’st Larrivey (C)

L.R. Vicenza-Pordenone 1-0

Il Vicenza vince 1-0 sul fanalino di coda Pordenone e spera nei play out. A segnare la rete della vittoria l’olandese Alessio Da Cruz con una sua invenzione di notevole caratura tecnica. Il gol arriva al 14′ del primo tempo nel momento migliore dei biancorossi: tre minuti dopo De Maio segna il raddoppio ma il gol è annullato per fuorigioco dal VAR. Nella ripresa i padroni di casa si spengono e i neroverdi hanno l’occasione per reagire: vanno in gol i ramarri con Deli al 50′ ma è fuori gioco. Lo stesso attaccante colpisce una traversa a 30 secondi dalla fine. Da segnalare l’infortunio a Ranocchia al 22′ della ripresa: il centrocampista era entrato da 4′ per dare il cambio a Giacomelli.

Tabellino Gara:

L.R. Vicenza (4-2-3-1) Contini; Bruscagin (dal 46’ Cappelletti), Brosco, De Maio, Crecco (dal 90’+3’ Padella); Cavion, Bikel (dal 46’ Zonta); Dalmonte, Da Cruz, Giacomelli (dal 63’ Ranocchia (dal 67’ Mancini)); Teodorczyk. A disposizione: Morello, Grandi, Sandon, Maggio, Djbril, Alessio. Allenatore: Brocchi

Pordenone (4-3-1-2): Perisan; Andreoni, Barison, Bassoli, Perri (dal 83’ Vokic); Zammarini (dal 56’ Di Serio), Pasa (dal 73’ Deli), Lovisa; Cambiaghi; Candellone (dal 56’ Torrasi), Mensah (dal 73’ Iacoponi). A disposizione: Bindi, El Kaouabiki, Sabbione, Deli, Anastasio, Valietti, Dalle Mura, Di Serio, Pellegrini, Iacoponi. Allenatore: Marchetto

Marcatori: 14′ Da Cruz (LRV)

Arbitro: Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo; collaboratori: Grossi e Di Giacinto; quarto uomo Caldera. Al VAR Piccinini, AVAR Rossi

Ammoniti: Bruscagin (LRV), De Maio (LRV), Bikel (LRV), Di Serio (P), Torrasi (P), Barison (P), Cappelletti (LRV)

Spettatori: 5.125 di cui 70 ospiti, incasso euro 51.837

Parma-Spal 4-0

Torna a sorridere il Parma che dopo un punto in tre partite ritrova il bottino al Tardini rifilando un poker alla Spal e prova a riavvicinarsi alla zona play-off. La partita si sblocca al 28′: Tutino di testa centra il palo poi è lesto nel tap-in sotto misura sul tentativo di Simy. Il numero 9 crociato, che uscirà per infortunio prima dell’intervallo, appoggia poi a Bernabè che con un sinistro a giro firma il raddoppio e il suo primo gol in Italia. Nella ripresa arrotondano il solito Vazquez, in diagonale su servizio in profondità di Man, e Benedyczak che fissa il definitivo 4-0 grazie a un elegante tocco sotto dopo aver eluso l’intervento della difesa.

Tabellino Gara:

PARMA
Buffon, Tutino (45+2′ Benedyczak), Vazquez (63′ Sohm), Juric, Delprato, Bernabè (71′ Brunetta), Cobbaut, Circati, Rispoli (46′ Coulibaly), Man, Simy (71′ Bonny).
A disposizione: Turk, Balogh, Camara, Osorio, Traore, Costa, Correia.
Allenatore: Giuseppe Iachini

SPAL
Alfonso, Esposito (46′ Da Riva), Meccariello, Crociata (69′ Mora), Mancosu, Zanellato, Melchiorri (46′ Vido), Vicari (8′ Capradossi), Almici, Rossi (46′ Colombo), Celia.
A disposizione: Pomini, Thiam, Tripaldelli, Zuculini, Dickmann, Peda, D’Orazio.
Allenatore: Roberto Venturato

Arbitro: Valerio Marini di Roma 1
Assistenti: Fabrizio Lombardo di Cinisello Balsamo, Alessandro Cipressa di Lecce
IV: Stefano Nicolini di Brescia
Var: Daniele Minelli di Varese
Avar: Giacomo Paganessi di Bergamo

Marcatori: 28′ Tutino (P), 33′ Bernabè (P), 62′ Vazquez (P), 68′ Benedyczak (P)

Ammoniti: Iachini (P), Celia (S), Da Riva (S), Coulibaly (P), Simy (P)
Angoli: 5-5
Recupero: 3′-0′
Spettatori: 5.286 (di cui 3.074 abbonati) per un incasso totale di 54.883€

Perugia-Benevento 0-1

Grande vittoria del Benevento, che conquista tre punti d’oro nella corsa verso la A ai danni di un Perugia che esce ridimensionato dalla sfida del Curi. Polemiche per il gol del vantaggio ospite, per un rigore assegnato dopo che l’arbitro aveva già fischiato la fine del primo tempo. Il reclamo dei campani per un tocco di mano in area di Angella è stato premiato con l’ausilio del Var e dal dischetto l’ex Forte ha insaccato. In precedenza il Perugia era stato più pericoloso, con le occasioni capitate a De Luca e Santoro. Nella ripresa occasione per il Perugia, che ha colpito una traversa con un colpo di testa di De Luca.

Tabellino Gara:

PERUGIA
Chichizola; Angella, Segre (74′ Kouan), De Luca, Matos (61′ Olivieri), Dell’Orco, Ghion (61′ D’Urso), Falzerano, Santoro (83′ Carretta), Sgarbi, Lisi (73′ Ferrarini).
A disp.: Fulignati, Zaccagno, Gyabuaa, Beghetto, Murgia, Curado, Zanandrea.
All. Massimiliano Alvini

BENEVENTO
Paleari; Letizia, Acampora, Tello (52′ Lapadula), Vogliacco, Glik, Improta, Foulon (63′ Barba), Insigne (62′ Brignola, 79′ Calò), Ionita, Forte.
A disp.: Muraca, Manfredini, Gyamfi, Petriccione, Sau, Talia, Pastina.
All. Fabio Caserta

Ammoniti: Tello (B)
Espulsi: Kouan (P)

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta.

Assistenti: Pasquale Capaldo di Napoli e Daniele Marchi di Bologna.
Quarto Ufficiale: Valerio Maranesi di Ciampino.
Var e Avar: Lorenzo Maggioni e Damiano Di Iorio di Vco.

Marcatori: 50′ su rig. Forte (B)

Ternana-Cremonese 1-2

La Cremonese non arresta la sua marcia. La squadra di Fabio Pecchia batte la Ternana 2-1 e sale in classifica a quota 49. Seconda sconfitta consecutiva per la formazione di Cristiano Lucarelli dopo la “manita” rimediata nel turno infrasettimanale in casa della Spal. Primo tempo di marca grigiorossa con il portiere della Ternana Iannarilli assoluto protagonista in almeno un paio di occasioni. Nella ripresa sono arrivati i gol. Una magia di Baez al 14′ ha aperto le danze. Poi il pareggio a stretto giro d’orologio firmato da Mazzocchi. Infine alla mezzora la rete di Gaetano, rasoterra angolato dal limite, che ha chiuso i giochi. Nel finale annullato per fuorigioco il gol del possibile 2-2 a Partipilo.

Tabellino Gara:

Ternana (4-3-2-1): Iannarilli; Defendi (Cap.), Sørensen, Bogdan, Celli (26′ st Martella); Paghera (36′ st Peralta), Proietti (36′ st Koutsoupias), Salzano; Partipilo, Pettinari (1′ st Capone), Furlan (15′ st Mazzocchi). A disp.: Krapikas, Rovaglia, Capuano, Boben, Mazza. All.: Cristiano Lucarelli

Cremonese (4-2-3-1): Carnesecchi; Sernicola, Bianchetti, Meroni, Valeri (1′ st Crescenzi); Castagnetti, Fagioli (21′ st Rafia); Gondo (14′ st Zanimacchia), Gaetano, Baez; Ciofani (Cap., 21′ st Di Carmine). A disp.: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Casasola, Bartolomei, Politic, Okoli. All.: Fabio Pecchia

Arbitro: Antonio Giua (Olbia)

Assistenti: Michele Lombardi (Brescia), Claudio Gualtieri (Asti)

IV Uomo: Claudio Petrella (Viterbo)

VAR: Giaomo Camplone di Pescara (AVAR Edoardo Respollini di Livorno)

Marcatori: 14′ st Baez (C.), 17′ st Mazzocchi (T.), 35′ st Gaetano (C.)

Ammoniti: Partipilo e Salzano (T.), Castagnetti, Fagioli e Baez (C.)

Recuperi: 0/4

Spettatori: 2.022 (di cui 87 ospiti)

 


[maxbutton id="2"]
CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento

CLASSIFICA SERIE C

SONDAGGIO

ALTRO IN CAMPIONATO