Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

NEWS

Savoldi: «Il Crotone può ripetere l’impresa salvezza»

Michele Affidato- Banner News

Una breve parentesi con il Crotone con otto presenze nel campionato cadetto 2004-2005, ma anche un calciatore nativo di Bologna. Non un vero e proprio ex ma un conoscitore di entrambi gli ambienti. L’ex punta del Crotone Gianluca Savoldi ricorda quella esperienza in Calabria. ‘

«Il mio arrivo a Crotone fu dovuto al contestuale fallimento della società detentrice del mio cartello, il Napoli. Tutti i tesserati seguimmo l’iter di svincolo e subito dopo fui contattato dalla società pitagorica. Arrivai a Crotone, se non erro, insieme a Roberto Cevoli. Era il torneo cadetto 2004-2005 sotto la guida del tecnico Gian Piero Gasperini».  

Un arrivo a Crotone, in un contesto “caldo” , ambiente che l’ex attaccante conosceva bene avendo militato in carriera in diverse formazioni del sud.

«Sono arrivato da una formazione del sud Italia come il Napoli, quindi avevo già fatto abitudine. Mi ha rassicurato questo aspetto legato all’ambiente, le cose però non sono andate come speravo. Dopo tre partite giocate subii uno strappo all’adduttore, quando stavo poi prendendo un pò di condizione la società decise visti i risultati di esonerare il tecnico, al posto di Gasperini arrivò Agostinelli e mi fece capire che non rientravo nei suoi piani, spostandomi così poco dopo a Venezia».

Alcune gare vissute in maglia pitagorica…

«Ricordo le gare contro il Catanzaro, i giovani però che erano presenti in rosa avevamo bisogno di tempo per ambientarsi. Al ritorno del tecnico Gian Piero Gasperini la squadra si riprese e acquistò passo dopo passo entusiasmo e condizione. Il valore del tecnico è importante ma a volte gli si addossano troppe responsabilità. Tra le gare ricordo anche la gara contro il Modena, e devo dire che alla fine mi è anche dispiaciuto andare via».

Una squadra quella del Crotone che ora è presente da due stagioni in Serie A ed è in piena lotta salvezza.

«Un risultato che non mi sorprende. Il Crotone deve continuare a lottare fino all’ultima giornata, la Serie A è tutta da giocare, dalla lotta scudetto fino alle competizioni di Champions League ed Europa League. In fondo, la lotta salvezza è aperta, il Crotone è l’emblema dell’ideale per il quale se ci credi fino alla fine puoi salvarti. Il Crotone penso che possa farci, un risultato che auguro sopratutto perchè al di là della mia militanza io resto sempre legato con il cuore alle città dove ho giocato».

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Anti incendio – Laterale

Trony Laterale – Scad. 29/09/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN NEWS