Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

NOTIZIE ROSSOBLU

Qui Spezia | Sfida salvezza al “Picco”: Italiano sfida Cosmi per i tre punti

Foto: Andrea Rosito
Michele Affidato- Banner News

Qui Spezia | Una gara di fondamentale importanza quella del “Picco” in programma sabato alle ore 15:00 per lo Spezia di Vincenzo Italiano contro il Crotone. Una gara che assumere ancora maggiore importanza se si pensa al furto perpetrato ai danni delle “Aquile” lo scorso sabato all’Olimpico con un rigore regalato alla Lazio a un minuto dalla fine che è costato un pareggio meritato sul campo ai bianchi spezzini. E dire che otto minuti prima in area avversaria Acerbi commetteva anche lui un fallo di mano e in quel caso il VAR non fu chiamato in causa.

Smaltita la rabbia l’allenatore aquilotto si è tuffato a capofitto nel prepare la gara contro il Crotone: una sfida salvezza in cui i punti valgono, come sempre, doppio. I rossoblu calabresi, a dispetto di una classifica che langue, sono tutt’altro che “morti” e lo si è visto anche dalla prestazione offerta al “Diego Armando Maradona” contro il Napoli. Una squadra trascinata dai gol di Simy e Messias due talenti che andranno limitati in tutti i modi. All’andata il brasiliano fu decisivo, in questo momento è il nigeriano il più in forma e il miglior realizzatore in Serie A dell’ultimo mese con 8 reti messe a segno in 5 partite.

Formazione

Per limitare la fisicità del possente nigeriano mister Italiano potrebbe rilanciare al centro della difesa, in coppia con Erlic, l’albanese Ismajli tenuto a riposo contro la Lazio per un colpo subito con la nazionale del suo paese, di cui è anche capitano, che già gli aveva fatto saltare la gara di San Marino. In porta, nonostante il recupero di Provedel, si dovrebbe puntare ancora sull’olandese Zoet che sta vivendo un gran momento. Corsia di destra della difesa su cui Ferrer è in netto vantaggio sullo spezzino DOC Vignali. Sull’altra corsia ballottaggio tra Bastoni e Marchizza con lo spezzino che all’Olimpico ha fatto vedere ottime cose in fase di proposizione, ma ha sofferto lo spunto di Lazzari in fase difensiva.

Passando a centrocampo in cabina di regia ci sarà nuovamente Ricci e come mezzala sinistra sarà confermato il giovane capitano, anche lui spezzino, Giulio Maggiore. Più dubbi sulla mezzala destra. Importantissimo il recupero dell’argentino Estévez dal Coronavirus. Un giocatore, l’ex Estudiantes, in grado di dare fisicità, aggressività e qualità allo stesso tempo. Gli mancherà sicuramente il ritmo partita e quindi potrebbe avvicendarsi con i compagni o entrare a gara in corso. Le alternative sono il brasiliano Sena, tra i migliori all’Olimpico, o il nazionale Under21 Pobega. In caso di impiego di quest’ultimo Maggiore verrà probabilmente spostato a destra.

In attacco sicuro l’impiego di Gyasi, l’esterno italo-ghanese è il giocatore più utilizzato da Italiano e tra i più in forma dell’intera rosa. Sulla corsia opposta dovrebbe essere inserito Daniele Verde soprattutto dopo il gol da copertina contro la Lazio. Farias nelle ultime due prestazioni da titolare è partito bene per poi perdersi. Verde è molto più concreto e aiuta di più la squadra in fase di non possesso palla. In attacco è ballottaggio a due per una maglia. Piccoli se la dovrà vedere con Nzola. Il franco-angolano è entrato cattivo e pronto all’Olimpico come non si vedeva dall’infortunio di gennaio con la Sampdoria. Il bomber, nove gol per lui fino allo stop, non ha ancora i 90′ minuti nelle gambe, ma questa volta potrebbe partire dall’inizio per poi lasciare spazio al promettente classe 2001 molto cresciuto rispetto alla gara d’andata.

Indisponibili

Andranno valutate le condizioni fisiche dei terzini Dell’Orco e Mattiello, ma difficilmente i due saranno della partita. Difficile pensare anche a una presenza del centrale difensivo Capradossi rientrato dalla rottura di un crociato e non ancora atleticamente pronto. Sicuramente assente il terzino mancino uruguayano Juan Ramos positivo al Coronavirus. Out perchè “fuori lista” il terzino destro Sala disastroso nel secondo tempo dello “Scida” nella gara di andata. Assenza che pesa a livello di qualità è sicuramente quella del talentuoso Riccardo Saponara che sta lottando con problemi a una caviglia. Quando in forma ha dato tanto alla squadra basti pensare alle vittorie con Milan in campionato e Roma in coppa.

Filosofie opposte

Da una parte l’idea di comandare sempre il gioco e non subirlo di mister Vincenzo Italiano forte di una costruzione dal basso che ne è il chiaro marchio distintivo tanto che anche il portiere diventa una sorta di giocatore di movimento. Sovrapposizioni dei terzini che diventano attaccanti aggiunti, inserimenti delle mezzale, un centravanti che è quasi un regista offensivo (sopratutto nel caso di Nzola) e un “play” che spesso si abbassa tra i due difensori per impostare. Il suo 4-3-3 in fase di non possesso palla propone una linea difensiva altissima e un pressing forsennato sugli avversari per cercare di recuperare il più in fretta possibile la sfera.

Di contro si troverà un 3-5-2 di impostazione molto bassa che in fase difensiva si chiude a riccio diventando un 5-4-1 lasciando Simy unico riferimento offensivo e cercando di ripartire rapidamente magari anche con palloni scagliati lunghi per sfruttare la stazza di quasi due metri del centrattacco nigeriano le cui sponde vengono utili per la rapidità di Messias e Ounas.

Empatico e aperto al dialogo con i propri giocatori Italiano. Istintivo, impulsivo e caratteriale Cosmi che è anche un feroce motivatore. “Ma quale costruzione dal basso? Spesso così facendo si propone una distruzione…” le recenti parole del tecnico rossoblu.

Guido Lorenzelli – CalcioSpezia.It

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Trony Laterale – Scad. 09/02/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN NOTIZIE ROSSOBLU