Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

NEWS

Il Crotone “sognatore” si presenta a Torino da “Outsider” e non da agnello sacrificale

Michele Affidato- Banner News

Euforia ed entusiasmo, due concetti che spiegano precisamente l’aria che si respira in città dopo il trionfo di domenica scorsa contro l’Inter. Una vittoria che potrebbe segnare in modo particolare il campionato dei rossoblu, perchè dopo la vittoria fuori casa contro il Chievo, il risultato contro i nerazzurri ha dato il via ad un nuovo campionato di Serie A, un campionato in cui il Crotone ha detto a chiare lettere di poterci stare e di poterlo fare anche bene. Euforia ed entusiasmo che sono stati amplificati dai tre moschettieri rossoblu, Falcinelli, Ferrari e Ceccherini, che hanno vissuto la loro seconda esperienza in nazionale. Il distacco dall’Empoli si è ridotto a soli 3 punti, con ben sette partite ancora da giocare e con entrambe le squadre che, ora, affronteranno una doppia trasferta (Torino e Samp per il Crotone, Fiorentina e Milan per i toscani). Insomma un finale di campionato tutto da seguire con la consapevolezza che i colpi di scena non sono terminati. Per quanto riguarda il Crotone che, oggi si presenterà a Torino non da agnello sacrificale, ma da “outsider”, ruolo che i rossoblu non hanno mai interpretato nella massima serie. Certo, dopo queste due vittorie, gli avversari del Crotone non avranno un atteggiamento tenero con i rossoblu, ne, tantomeno, abbasseranno la guardia, anzi c’è il rischio che succeda proprio il contrario, cioè, che per evitare brutte figure i nostri avversari si chiudano un po’ di più, riducendo di molto quelle ripartenze rossoblu che contro l’Inter si sono dimostrate fatali. Il Torino è una squadra quadrata, che ha lo stesso carattere del suo allenatore, e oggi all’Olimpico non sarà facile fare risultato. I Granata, il cui campionato è di fatto terminato, non hanno alcuna voglia di mollare la presa e Mihajlovic costringe sempre la squadra a stare sul pezzo, come domenica scorsa a Cagliari (sardi battuti per 3 a 2). Mister Nicola oggi avrà a disposizione tutta la rosa anche se ormai, l’allenatore rossoblu ha indicato quali sono i suoi uomini con chi tentare di inseguire il sogno salvezza. Per la formazione di domani l’unico dubbio del mister riguarda il centrocampo dove Barberis e Capezzi si giocano una maglia da titolare, la presenza di uno o dell’altro dipenderà dal tipo di atteggiamento che il Crotone avrà in campo. Con Barberis, Nicola assicura più geometria ed una maggiore facilità di ripartenza, con Capezzi, invece, un dinamismo maggiore. Per il resto la squadra sarà quella di domenica scorsa. Mister Nicola, in questa fase finale, potrebbe ritrovarsi con due carte in più nel suo mazzo: un Martella ritrovato, che gioca con più convinzione, spinge e copre come mai aveva fatto in stagione, e un Trotta che comincia a convincere e a cui manca, soltanto il gol.
Giatur

www.ilrossoblu.it

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Anti incendio – Laterale

Trony Laterale – Scad. 09/10/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN NEWS