Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

CAMPIONATO

#CrotoneVicenza | Il Crotone deve ritrovare la fame di punti, di vittorie di riscatto

Michele Affidato- Banner News

Qui Crotone |Cosa fare per rilanciare un Crotone che, invece di rialzarsi dalla crisi, appare in caduta libera?

La domanda non ha una risposta semplice e questo mister Marino lo sa bene. Il problema della squadra rossoblù non è nelle gambe, negli schemi, nella tattica o nella tecnica, ma è tutto nella testa, ed è un problema che non si risolve facilmente.

La partita di Perugia ha minato alla base le pochissime certezze che questa squadra sembrava avere. Mentre contro Frosinone e Monza, il Crotone ha saputo reagire all’andamento negativo della partita, al di là del risultato finale, la prestazione c’è stata, contro il Perugia ha predominato, invece, la depressione che ha colpito gli uomini di Marino subito dopo il primo gol umbro.
Al centro delle critiche è finito Molina, anche ingenerosamente, visto che il laterale rossoblù, al di là degli errori che sono costati la sconfitta contro il Perugia, non ha mai dimostrato di tirare indietro la gamba, ma è sempre uscito dal campo con la “maglia sudata”. Certo non sembra il Molina delle ultime stagioni, ma il tutto è più addebitabile ad un precario stato di forma, mentale e fisica, che non all’assenza di volontà. Questo mister Marino lo sa bene e non intende lasciare la croce sulle spalle di uno dei suoi uomini migliori. Anche se è probabile che, in questo periodo di partite ravvicinate, a Molina venga dato un turno di riposo per rifiatare, magari non oggi contro il Vicenza ma a Cremona contro la Cremonese, utilizzando Nedelcearu come laterale difensivo.

Con la partita di oggi, allo Scida contro il Vicenza, comincia un vero e proprio tour de force che vedrà i rossoblù disputare tre gare (Vicenza, Cremonese e Spal) in nove giorni, tre gare che determineranno nel bene e nel male questo finale di girone d’andata e forse influenzeranno anche il mercato di gennaio, durante il quale sarà difficile trovare rinforzi se la squadra dovesse ancora essere nei bassifondi della classifica.
Bisogna fare punti e ritrovare la vittoria già da stasera. Perché proprio la vittoria è l’unica vera cura contro la situazione di crisi che stanno attraversando gli squali.
Per la partita di oggi, così come per le prossime due, il mister dovrà ancora rinunciare a Contini e Mogos, per cui scelte forzate nel reparto difensivo.
Contro il Vicenza, infatti, difficilmente vedremo novità in difesa, con Festa chiamato ancora a dare sicurezza alla squadra, Canestrelli e Paz a fare da diga centrale e Molina e Sala ad occupare il ruolo di esterni.
Qualche cambiamento, forse, potremmo vederlo a centrocampo. Marino ha più di un’alternativa per la mediana, soprattutto dopo il rientro di Benali e Estevez, che oggi potrebbero essere in campo insieme dal primo minuto, magari con un Donsah a fare da guastatore, senza dimenticare Vulic e Zanellato che, comunque, si candidano sempre ad una maglia da titolare.

Il vero rebus è in avanti, dove mister Marino ha un solo punto fermo: Mulattieri, che dovrà essere messo in grado di far esplodere tutto il suo potenziale offensivo. Il resto è cangiabile e può variare sia nell’undici iniziale che nel corso della partita. Per stasera è probabile rivedere Maric dal primo minuto con Oddei o Kargbo che si giocano l’ultimo posto libero nella linea offensiva.

Ma la di là degli uomini che entreranno in campo sin dal primo minuto, dovrà essere l’atteggiamento a cambiare. Il Crotone deve dimostrare di avere ancora “fame”, fame di punti, fame di vittoria, fame di riscatto, fame di prestazione.

Giatur

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Trony Laterale – Scad. 20/07/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN CAMPIONATO