Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

CAMPIONATO

#CrotoneNapoli 0-4 I A Crotone piove sul bagnato

Bel primo tempo della squadra rossoblu ma un grande Insigne e un ingenuo Petriccione la condannano
Michele Affidato- Banner News

Piove allo Scida e non solo sul terreno di gioco. La posizione in classifica del Crotone comincia a essere preoccupante, quell’ultimo posto in solitaria e un distacco consistente dalle avversarie dirette rende questo pomeriggio ancora più freddo e bagnato.
Il Crotone deve vincere, non solo per trovare la prima vittoria del campionato, ma anche per battere, finalmente, un colpo in questa stagione.
Mister Stroppa punta su Cuomo in difesa al posto di Magallan, rilancia Benali a centrocampo con Molina e Petriccione, dando un turno di riposo a Vulic, mentre in attacco c’è la classica coppia formata da Simy e Messias. In panchina si rivede Riviere dopo l’infortunio.
Gattuso risponde con il suo solito Napoli: l’unica novità è Petagna dal primo minuto al posto di Mertens.
Partita particolare per il mediano azzurro Demme, originario di Scandale.
Non passa nemmeno un minuto e il Napoli al primo affondo va vicino al gol. Petagna prende palla dal limite dell’area, la difende e poi prova il tiro a giro sul secondo palo ma la palla termina fuori di poco.
Cambio di fronte e il Crotone conquista il suo primo calcio d’angolo controllato in uscita da Ospina.
La partita inizia ad alti livelli di agonismo con il Napoli che pressa altissimo per impedire al Crotone di costruire dal basso.
Al quinto minuto Messias scappa a Koulibaly che lo atterra, giallo per il difensore del Napoli.
Al nono il pressing azzurro da i suoi primi frutti: Pereira sbaglia l’uscita, palla a Lozano che allarga per Petagna che crossa per Insigne, controllo a volo e tiro smorzato facile per Cordaz,
Passa un minuto ed è il Crotone ad essere pericoloso: Reca la mette tesa e rasoterra da sinistra, Simy controlla per Benali che di prima tira ma Manolas ci mette il corpo e respinge.
Stiamo assistendo ad una bella partita in cui i colpi individuali vengono esaltati dal campo bagnato, come al 14esimo quando Koulibaly ferma in scivolata un Messias lanciato in solitaria verso la porta.
Cambio di fronte e Petagna reclama un rigore ma per Marinelli non c’è nulla.
L’unica cosa che cala d’intensità è la pioggia ma la partita si mantiene su ritmi altissimi.
Al 24esimo Insigne inventa per Petagna che si trova solo davanti al portiere rossoblu, l’attaccante ha tutto il tempo di stoppare la palla e preparare il tiro ma rimane ipnotizzato da Cordaz che respinge la conclusione.
Al 27esimo Messias lascia sul posto Di Lorenzo e si infila in area ma il difensore rossoblu è bravo a recuperare e ferma il brasiliano, il Crotone rimane in. attacco e cambia fascia con Molina che crossa per Simy il cui colpo di testa si perde di pochissimo al lato. L’attaccante rossoblu lamenta una vistosa trattenuta di Manolas ma Marinelli fa continuare.
Al 31esimo il Napoli passa in vantaggio. Insigne riceve palla sulla sinistra, si accentra e dalla sua mattonella fa partire il suo classico tiro a giro che si insacca all’incrocio.
Ora si dovrà vedere se il Crotone patirà come a Bologna lo svantaggio o saprà reagire.
Al 34esimo il Crotone sfiora il gol. Petriccione la mette dentro da punizione ma Marrone, solo sul secondo palo, non ci arriva per un soffio.
Al 35esimo brutta tegola per il Crotone, Benali non ce la fa e Stroppa è costretto a sostituirlo con Vulic.
Passa un minuto e proprio Vulic ha la palla buona per il pareggio: Molina pennella per il 77 rossoblu che al volo la piazza precisa ma Opina ci arriva e respinge.
Il Napoli cerca di andare in controllo della partita e di addormentarla ma il Crotone con foga e grinta risponde palla su palla con un pressing a tutto campo e ripartenze veloci.
Al 45esimo Lozano è lanciato a rete, Cuomo entra in contrasto e l’attaccante messicano, ad un paio di metri al limite dell’area, cade a terra. Punizione e giallo per il difensore rossoblu anche se la panchina partenopea chiede il rosso. La punizione è buona per Insigne che si presenta sul pallone che finisce addosso alla barriera.
Marinelli manda tutti negli spogliatoi.
Abbiamo assistito ad un bel primo tempo in cui le due squadre si sono fronteggiate a viso aperto e hanno provato entrambe ad andare in vantaggio. C’è riuscito il Napoli grazie ad una invenzione di Insigne. Il Crotone, come sempre, ha messo in campo gioco e qualità ma il gol sembra diventato una maledizione. Buona la prestazione di Cuomo su Insigne, il giovane difnesore rossoblu sta dimostrando di avere le qualità per poter stare nella massima serie.
Tocca a Stroppa ora trovare le giuste parole per ricaricare la squadra e farla entrare in campo con il coltello tra i denti.
Le squadre si ripresentano in campo senza modifiche nelle formazioni.
Al quarto minuto Petriccione entra duro su Demme, Marinelli assegna la punizione ma poi viene chiamato al Var, dopo aver rivisto l’azione il fischietto di Tivoli tira fuori il rosso. Crotone in dieci e sotto di un gol. Piove sul bagnato!
Stroppa sposta Molina davanti la difesa e Messias a mezzala con Simy unica punta.
I rossoblu tentano di stare in partita ma l’assenza di un uomo rende quasi inutile il pressing in avanti con i partenopei che trovano sempre l’uomo libero per ripartire senza fatica.
Al 57esimo il Napoli raddoppia. Insigne controlla sulla sinistra, guarda in area e con un lancio preciso trova Lozano solo davanti a Cordaz, il messicano ha tutto il tempo di controllare e battere con facilità il portiere rossoblu.
Il Crotone non c’è più e Stroppa non fa nulla per cambiare l’assetto ad una squadra che evidentemente ha perso equilibrio.
Al 65esimo Messias scappa a destra e la mette al centro dove il colpo di testa di Vulic viene deviato in calcio d’angolo.
Passano quattro minuti e Gattuso inserisce anche Mertens al posto di Zielinski. Napoli a trazione anteriore nel tentativo di chiudere subito la partita.
La partita si trasforma in un monologo azzurro. Il Crotone è sulle gambe e il Napoli fa ciò che vuole in campo. Ed infatti al 75esimo il Napoli fa terno con Demme che finalizza una bella ripartenza, con udiagonale sul quale Cordaz non può nulla.
Gattuso inserisce anche Politano, Lobotka e Elmas per Lozano, Bakayoko e Insigne.
Sula panchina del Crotone tutto tace.
Ci vuole l’85esimo per vedere due cambi nel Crotone. Stroppa inserisce Dragus per Simy e Edoardo per Pereira.

Il signor Marinelli assegna tre inutili minuti di recupero che servono solo per vedere il quarto gol del Napoli con Petagna liberato da un bell’assist di Mertens.

La partita termina così con l’ennesima sconfitta del Crotone che sprofonda sempre di più in classifica. I rossoblu portano a casa l’ennesimo bel primo tempo ma nulla di più. Il capolavoro di Insigne e la sciocchezza di Petriccione condannano il Crotone che non aveva demeritato ma che ha ancora la maledizione del gol che non arriva mai. Scioccante la mancata reazione di Stroppa che non ha fatto alcun tentativo per modificare l’andamento della partita, quasi fosse rassegnato.

Giatur

Tabellino:
Crotone (3-5-2):
Cordaz, Cuomo, Marrone, Luperto, Pereira (Edoardo 85′), Benali (Vulic 35′), Petriccione, Molina, Reca, Messias, Simy (Dragus 85′).
All. Stroppa

Napoli (4-3-3):
Ospina, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly (Maksimovic 83′), Mario Rui, Bakayoko (Lobotka 77′), Demme, Zierlinski (Mertens 69′), Lozano (Politano 77′), Petagna, Insigne (Elems 77′).
All. Gattuso

Ammoniti: Koulibaly (N) 5′; Cuomo (C) 45′; Pereira (C) 53′; Reca (C); Lobotka (N) 81;
Espulsi: Petriccione (C) 49′.
Marcatori: Insigne (N) 31′; Lozano (N) 57′; Demme (N) 75′; Petagna (N) 91′.

CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Anti incendio – Laterale

Trony Laterale – Scad. 29/09/2022

Io bimbo – Laterale/Smartphone
Michele Affidato – Banner laterale
Poerio Centro Revisioni – Laterale
Catrol

ALTRO IN CAMPIONATO