Seguici sui social
Ciaocrotone –  header skin

NOTIZIE ROSSOBLU

Crotone Calcio | Spolli: «Situazione difficile, il nostro pensiero va a chi lotta tutti i giorni»

Il difensore analizza il momento difficile vissuto dal paese e dal mondo dello sport
Michele Affidato- Banner News

Un nuovo fine settimana senza calcio giocato in un periodo che vede l’attenzione di tutti rivolta all’emergenza sanitaria. Ad analizzare il momento difficile vissuto dal paese e in generale dal mondo dello sport è il difensore Nicolas Spolli.

«Credo che la situazione in questo momento sia triste per tutti, quello che possiamo fare è cercare di aiutare rimanendo a casa. A livello fisico sto cercando di fare quanto possibile da casa svolgendo gli esercizi forniti dallo staff tecnico».

Il calciatore argentino rimane in contatto con la sua famiglia con il paese di origine che ha iniziato in questi giorni ad affrontare il virus.

«In Argentina è arrivato in questi giorni, per fortuna ancora non sono stati registrati molti casi. Il nostro Presidente ha subito capito la problematica oltre che la pericolosità chiudendo tutto e dando vita alla quarantena. Sento tutti i giorni la mia famiglia, gli ho spiegato cosa è successo in Italia, sto provando già da un paio di settimane a dare dei consigli a distanza. Tutto il paese ha preso atto di questo pericolo e la speranza è che l’Argentina riesca ad uscirne quanto prima».

In questi giorni si è iniziato a parlare di ripresa del campionato…

«Pensare in questo momento difficile ad una ripresa mi sembra fuori luogo, ora bisogna solamente dedicarci alle cose più importanti».

Sono giornate impegnative inoltre per medici e sanitari sempre in prima linea.

«Tra di noi cerchiamo di far passare il messaggio di fare rimanere a casa la gente, poi dobbiamo pensare che ci sono anche persone che quotidianamente lottano contro questo virus. Il nostro pensiero va a loro, agli infermieri e dottori che ogni giorno si alza per andare a lavorare e salvare le persone. Il pensiero va anche a chi non c’è più, bisogna essere responsabili in questo momento».

In queste giornate hai avuto modo di sentirti con i compagni di squadra?

«Con i compagni di squadra ci sentiamo tramite Whatsapp, manca tanto lo spogliatoio e cerchiamo di rimanere in compagnia utilizzando la tecnologia».

In carriera Nicolas Spolli ha vestito diverse maglie, esiste però un rammarico dopo tanti anni di carriera ad alti livelli?

«Da bambino il sogno era diventare calciatore, poi crescendo iniziando a giocare a livello professionistico l’obiettivo era quello di giocare in Italia. Ho avuto la fortuna di arrivarci e giocare ad alti livelli, di questo posso dire di esserne contento. Sono undici anni che sono in Italia, non è facile stare lontano da tutto e tutti, sono felice della mia carriera e non penso di avere particolari rimpianti».

Qual è secondo te l’attaccante più difficile che hai dovuto marcare in questi anni?

«Attaccanti c’è ne sono tanti, penso ad Higuain, Ibrahimovic, Eto’o ma se devo dirne uno con il quale ho avuto molti grattacapi direi Di Natale, penso che sia stato quello contro il quale ho fatto più fatica».

Leonardo Vallone

 


[maxbutton id="2"]
CLICCA PER COMMENTARE

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento

CLASSIFICA SERIE C

SONDAGGIO

ALTRO IN NOTIZIE ROSSOBLU